logo

Futuro Anteriore

IL CONCEPT
L’idea progettuale muove dalla necessità di qualificare lo spazio interno, giocando sul tema “della scatola nella scatola”. Le aree individuate dal documento programmatico sono state declinate nello spazio come indipendenti e connesse con l’intorno. Le scelte formali, pertanto, sono state orientate ad articolare gli ambienti ed esprimere flussi, spazialità e dinamicità; allo stesso tempo trova risposta la necessità di spazi di lavoro “confinati”. L’intervento è ricucito tramite una zona centrale di stasi e passaggio, di distribuzione e prima informazione, caratterizzata rispetto l’intorno per materiale e altezza.
Il progetto è stato sviluppato partendo da quattro parole chiave sostenibilità, accessibilità, flessibilità ed informatizzazione, che
sono state declinate nelle loro diverse accezioni all’interno del programma di intervento.
Dal punto di vista funzionale, in sede progettuale, uno dei problemi maggiori sorto fin dall’inizio riguardava l’illuminazione naturale degli spazi più interni, per questo si è scelto di configurare l’intervento come un ferro di cavallo che corre lungo i lati della pianta e caratterizzare gli spazi più interni con un nuovo “cuore”, uno spazio in contatto visivo con le aree dedicate al pubblico che si va a configurare come un’area di rappresentanza per la nuova sede operativa di Confcommercio.
Nella parte più interna sono stati posizionati i servizi igienici (rispettando la posizione attuale per facilitare il lavoro sugli
impianti idrici) e le due aree con minore necessità di luce, l’area CED e lo Spazio Operativo Generale.
L’ambito dedicato al pubblico, attesa e prime informazioni, è stato posto in posizione baricentrica rispetto alle diverse aree
operative, per essere facilmente accessibile ed è in diretto contatto con la zona Enasco, è inoltre facilmente individuabile per
materiale e come unica area non perimetrata e in contatto visivo con l’ingresso.
I collegamenti interni avvengono tramite uno spazio di distribuzione posto in corrispondenza dei lucernai della copertura. Le diverse aree di lavoro sono identificate da una grafica comune che individua i diversi ambiti, e il nome dei singoli uffici sulle
pareti a contatto con i corridoi con lettere in rilievo e sigle negli spazi di consulenza corrispondenti alle numerazioni date per via informatica nella zona d’attesa.

FUTURO ANTERIORE
Lo stato dell’arte attuale richiede che il rapporto con il pubblico diventi sempre più efficiente ed informatizzato, per questo è stata prevista, nell’area di attesa del pubblico, una grande parete attrezzata con video e terminali di tipo touch-screen nella quale gli utenti potranno trovare un primo contatto con Confcommercio.
Si prevede l’utilizzo di specifici software in grado di rispondere alle domande frequenti degli utenti, la possibilità di prenotare
appuntamenti in orari e giorni specifici con i consulenti delle diverse aree dell’ufficio, la possibilità di scaricare e compilare
moduli e domande ed eventualmente la possibilità di iscriversi a corsi e seminari promossi dalla Confcommercio. Informatizzare i processi comporta da un lato un risparmio dei tempi di lavoro del personale, dall’altro una maggiore soddisfazione dell’utente finale che non dovrà attendere tempi lunghi per ricevere risposte.


Progetto preliminare, definitivo, esecutivo:
404DESIGN
Collaboratori:
Francesca Marino, Lorenzo Procaccini

Impianti:
ing. Massimo Capperi
Direzione Lavori:
ing. Paolo Barontini

Realizzazione:
Logos Forniture

Link:
www.confcommercio.pistoia.it

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on LinkedIn

info

Data: 2015

Stato: realizzato

Committente: Confcommercio Pistoia

Photo credits: Mariangela Della Notte
In copertina: Lorenzo Procaccini

Superficie intervento: 1.300 mq

Importo lavori: 700.000 euro